Introduzione.

Uniti per il futuro di Pievepelago

Cari concittadini, care concittadine,
iniziare a scrivere un resoconto dell’attività svolta dall’Amministrazione da me presieduta in questi anni è faticoso ed emozionante insieme. Il tempo scivola tra le mani, soprattutto se vissuto intensamente; mi sembra solo ieri, quando con la mia squadra analizzavamo le problematiche del Comune per stilare un programma elettorale ed ora siamo giunti al termine. Nel ringraziarvi della fiducia che mi avete accordato, desidero dirvi che è stato per me un onore servire questa comunità e se a volte ho deluso le vostre aspettative ve ne chiedo scusa, ma vi posso assicurare che l’impegno profuso è stato grande e non è mai mancato.
Abbiamo attraversato anni difficili con risorse finanziarie molto limitate rispetto ai servizi essenziali da erogare e per questo siamo stati costretti a chiedervi anche dei sacrifici. E il futuro non si prospetta roseo per gli enti che debbono lottare con normative stringenti, burocrazia imperante, risorse limitatissime e personale insufficiente.
Le famiglie vivono la crisi economica con un diffuso senso di sfiducia e malessere e tanto timore. Pievepelago pur condividendo le problematiche di tutti è ancora “un‘isola felice” grazie alle industrie Bosi & Vaccari e Beghelli che sono riuscite a fermare l’esodo di massa. Nel ringraziare questi imprenditori coraggiosi auspico che il loro amore ed impegno per il nostro territorio non venga mai meno.
Nelle pagine che seguono ho cercato di sintetizzare l’operato dell’Amministrazione Comunale negli ultimi cinque anni con qualche piccolo cenno ad alcuni investimenti anche del quinquennio precedente in quanto ritengo giusto portare a vostra conoscenza il lavoro svolto che sarà da voi giudicato. Per i risultati raggiunti desidero innanzitutto ringraziare oltre alla mia squadra (con un pensiero particolarissimo al vicesindaco che mi ha supportato e affiancato in ogni momento garantendo una presenza continua e fattiva), il mondo del volontariato sia Associazionismo, sia privati cittadini. La carenza di personale e di risorse ci penalizza e ci amareggia quando, pur essendo consapevoli di tante necessità, non riusciamo a soddisfarle, ma tanti di voi ci sono venuti incontro con spontaneità e un grande senso civico. Non finirò mai di ringraziarvi abbastanza, ma debbo anche dirvi continuate perché questo è il futuro; se amiamo il nostro territorio dobbiamo essere uniti e cercare di valorizzarlo, custodirlo, renderlo sempre più apprezzabile non solo dai turisti ma soprattutto dai nostri figli.
Un caloroso ringraziamento lo debbo agli enti sovraordinati, prima fra tutti la Regione Emilia-Romagna che ha raccolto tante volte il nostro grido di aiuto sia per i tanti dissesti sia per la sicurezza degli immobili o per il miglioramento dell’impiantistica sportiva come vedrete nei vari paragrafici specifici. Grazie al Consorzio di Bonifica Burana per il lavoro prezioso e oscuro svolto, all’Ente di Gestione dei Parchi e la Biodiversità Emilia Centrale, alla Provincia e ai tanti funzionari di questi enti che ci hanno aiutato ed indirizzato nelle richieste di finanziamenti. Al termine, ma non certo ultimi in ordine d’importanza, ringrazio tutti i dipendenti del comune sia impiegati, sia operai che hanno dato attuazione ai nostri indirizzi con serietà e impegno.
Con queste pagine mettiamo dunque a vostra disposizione una sintesi del nostro operato che se pur lacunoso è stato svolto con tanta passione ed impegno.
Un caro saluto a voi e alle vostre famiglie.

Il Sindaco (Corrado Ferroni)