Michela Giannasi.

Michela Giannasi

Mi chiamo Michela Giannasi. Ho 47 anni e sono di Sant’Anna Pelago. Ho due figli: Riccardo e Alessandro, di 11 e 10 anni. Ho vissuto fuori per diversi anni ma non mi sono mai veramente sradicata dalla mia terra d’origine e da circa un anno sono tornata a vivere stabilmente qui con i miei figli che frequentano le scuole del territorio e praticano sci di fondo con il nostro Sci club.
Lavoro per il Settore Ambiente ed Energia della Regione Toscana per la quale mi occupo di Fondi Strutturali Europei, il principale strumento di investimento per la politica di coesione dell’Unione Europea finalizzato a favorire sia la crescita economica e occupazionale degli stati membri e delle loro regioni, sia la cooperazione territoriale europea.
Fino al 2007 ho lavorato nel servizio Vigilanza del Parco del Frignano, dove ho maturato una buona esperienza nel settore della tutela dell’ambiente, legata ad una fruizione intelligente dello stesso e all’incentivazione delle attività umane compatibili. Per formazione professionale e per una personale inclinazione sono convinta che il punto di forza del nostro territorio stia nella sua maestosa ed incontaminata bellezza, nonché nello spirito di iniziativa e nella tenacia della sua gente.
Amo la letteratura, la fotografia e l’arte. Ho una grande passione per la montagna, che vivo in ogni momento dell’anno, sciando e praticando trekking.
Sono profondamente legata alla mia terra d’origine e partecipo attivamente alla vita e alle iniziative del mio paese, infatti, tra le altre cose ho avuto il privilegio di far parte dell’ultima amministrazione di Pievepelago, dove mi sono occupata, tra le altre cose, di ambiente, scuola e cultura
Ho accettato di far parte per la seconda volta del gruppo che si candida ad amministrare Pievepelago per il prossimo quinquennio perché condivido appieno la visione di Corrado, di cui apprezzo la tenacia, l’onestà intellettuale e la statura morale e, se vorrete darmi nuovamente la vostra fiducia, desidero continuare a dare il mio seppur modesto contributo al territorio che amo, anche attraverso le mie competenze professionali nel settore, per dare continuità al progetto di governo del territorio che abbiamo creato in questi ultimi anni, collaborando con la popolazione e impegnandomi al massimo per raggiungere il Comune obiettivo dello sviluppo e del benessere del nostro paese.